GIULIA GUARNACCIA, "UN GIORNO ME NE ANDRO'"

02 settembre 2017

di Giulia Guarnaccia

"Un giorno me ne andrò"

Un giorno me ne andrò..
Non so come..né dove..né quando...
Un giorno lascerò spoglie mortali e vestiro' solo un'impalpabile sottile velo bianco....

Sarò alito di vento al mattino che soffiera' via ogni mio passato tormento..
Sarò primo raggio di sole in un'alba che cancellerà il mio térreo tramonto...
Sarò ricordo di molti..e forse.. anche rimpianto.....

Un giorno me ne andrò..
Senza lasciare scritte neanche due parole..
Senza aver portato a termine la parola "Amore...."
Sì..un giorno me ne andrò....
E tu..
Se vuoi..restami accanto....
Nessuno è eterno e nessuno se ne va contento all'altro mondo....

Si chiuderà il libro della vita..
E si aprirà il libro della Verità...
E salirò le scale fino a giungere alla fine d'ogni umana pena e logorioso pianto...

Un giorno me ne andrò...
E lo farò con una pena enorme infondo al cuore....
"Lasciare il frutto del mio grembo.."
E non importa quando..né come..né DOVE........

Giulia Guarnaccia

 

A te che non sei come me..

Miraggio di luci lontane su di un letto di mare dormiente riportano a galla ricordi indelebili inabissati nella notte dei tempi.. in una donna che tra passato e presente ha ricevuto poco..
O poco più di niente....

A te che non sei come me..

Ritratto antico di donna.. dai colori sfumati di grigio e dai contorni oramai quasi spenti su di una tela ingiallita dal delirio di anni passati tra frustrazioni e rimpianti...
Donna che ama essere sempre se stessa..
Che sorride e non si rabbuia dei suoi pianti..
Vera..anche se il tuo "ego" non ne percepisce beltà e tormenti...

A te che non sei come me..

Vagar tra gl'interspazi di un presente che da tutto mi vede assente..

Vivere o vegetare???
Domanda che la mente si pone quotidianamente...
E poi..
Ascoltare o no la voce del cuore???
Anche se ciò ti può far tremendamente star male???
Anche se la mente rinnega qualsiasi nesso tra realtà e amore????

A te che non sei come me..

Anima troppo sensibile per non indugiare..
Troppo fragile per riuscire ad odiare..
Troppo vera per credere a vane parole....

Ecco..
Io sono miraggio di luci su di un ritratto di donna che vagano tra gl'interspazi di un presente che la mia anima fragile non riesce ad accettare...

Io sono..
E forse lo sarò sempre...
"Un puzzle che nessuno riesce ad assemblare...."
E nel mio universo no..non è facile sapersi adattare......
Troppo fuori dagli schemi..
Un quadro che non riesci a vendere né tanto meno potrai mai comprare....

A te che non sei come me..
(Guardami..
E se non riesci a capirmi..non fingere di starmi ad ASCOLTARE!!!!!!!)

Giulia Guarnaccia

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA copyright www.ilgiornaledelricordo.it

News » L'ECO DEL MIO SENTIRE di Giulia Guarnaccia - Sede: Nazionale | sabato 02 settembre 2017