SERIE A - IL MILAN RINCORRE IL NAPOLI

08 novembre 2022

di Roberto Di Cesare

È stata proprio quest’ultima, la 13^, la giornata che ha più modificato le sorti della classifica. Sono di fatto 3 i big match giocati tra sabato e domenica.

Il primo, degli scontri tra titani disputato, è stato quello tra Atalanta e Napoli. A Bergamo, sabato sera, gli azzurri senza Kvaratskhelia hanno dovuto confrontarsi con una delle squadre più ardue del campionato.

A passare in vantaggio è toccato proprio ai nero azzurri, con Osimhen che però, ha risposto al penalty di Lookman. Il nigeriano, prima ha segnato con uno dei suoi tipici gol di testa, per poi servire l’assist della vittoria a Elmas.

È dunque passato il test di maturità da parte di Spalletti, che rimane a +6 dalla seconda, il Milan.

I rossoneri sono stati gli unici non coinvolti nella giornata dei big match, incontrando lo Spezia, e vincendo solo in extremis con il gol in acrobazia di Giroud.

Se da una parte il Milan affrontava lo Spezia del magico figlio d’arte Daniel Maldini, persino in gol al Meazza, i cugini nero azzurri erano impegnati nella partita più sentita in Italia.

Ovviamente si parla di Juventus-Inter, il derby d’Italia.

Nell’appuntamento di domenica sera, ad avere la meglio sono stati proprio i ragazzi di casa, sfoderando 2 gol nel secondo tempo davanti ai propri tifosi. In una rosa vittima dell’assenza di stelle o dell’ancora non ritrovata forma di altre, a correre e fare assist è il neoacquisto Kostic.

Il serbo ha prima servito l’assist per Rabiot, per poi chiudere il match per 2-0 fornendo persino il gol della vittoria di Nicolò Fagioli, ancora in gol.

Non è da meno però un’altra sfida, celebre soprattutto per il tifo e l’atmosfera, andata in onda prima del match vincente di Allegri. L’Olimpico di Roma, è stato di fatto palcoscenico dell’evento sacro nella capitale, il derby di Roma. Uno scontro dove l’ansia fa brutti scherzi, e dove gli errori costano caro, e questo lo sa bene Ibanez, che con il suo errore regala il gol vittoria a Felipe Anderson. Il brasiliano ha portato così gioia nel popolo biancoceleste, privato di Immobile e della propria avventura in Europa League.

È così che si sono conclusi i conflitti tra le squadre di alta classifica, una zona da cui si sta allontanando sempre più anche l’Udinese, che non trova ormai la vittoria da inizio ottobre. Ha ottenuto infatti un solo punto con il Lecce, che insieme alle altre neopromosse ha guadagnato punti importanti.

Pareggio effettivamente anche per Cremonese, in quel di Salerno, con i granata del meridione sempre più vicini alla zona Europa.

Ne ottiene invece 3 di punti il Monza, che sale a 13 punti, dopo il 2-0 contro il Verona ultimi in classifica.

Poco sopra un Verona in difficoltà troviamo una Sampdoria con un punto in più, che cade ancora una volta e in casa. A sorridere è la Fiorentina, che con 2 gol sbanca al Marassi.

Nonostante arrivasse dalla vittoria contro il Milan, perde per la sesta volta in campionato il Torino, rimontato domenica pomeriggio dal Bologna, che vince per 2-1.

Le assenze però si fanno sentire soprattutto a Sassuolo, dove l’infortunio del capitano Berardi non aiuta a rinascere i neroverdi, sconfitti persino a Empoli per 1-0.

Sono queste le emozioni regalate dalla 13^ giornata, che a 1 settimana dalla pausa mondiali, si prepara all’ infrasettimanale della prossima giornata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA copyright www.ilgiornaledelricordo.it

News » CALCIO 3.0 di Roberto Di Cesare - Sede: Nazionale | martedì 08 novembre 2022