Fra' Lorenzo, fervido confessore1919-2016

Memoria per Fra' Lorenzo, fervido confessore

Aggiungi il tuo ricordo al diario

Fra' Lorenzo, fervido confessore1919-2016

di Anna Isabella Sanna

Fra' Lorenzo, all'anagrafe Benvenuto Pinna, frate cappuccino del convento cagliaritano di viale Fra' Ignazio è morto tre giorni prima del suo compleanno. Domenica 15 dicembre 2016 avrebbe compiuto, infatti, 97 anni. Frate Lorenzo da Sardara - noto e apprezzato in città per la sua opera caritatevole - è mancato dopo essere stato ricoverato e poi dimesso dall'ospedale in seguito a una breve malattia. Benvenuto Pinna, come riportano i documenti dell'anagrafe, entra in convento all'età di diciassette anni (il 20 settembre 1936), accompagnato dal padre. Ricevuto da Fra' Nicola da Gesturi diventa suo colaboratore come aiuto cuoco. Dopo dieci mesi trascorsi a Cagliari va a Fiuggi (FR) e poi a Paliano (FR) per completare il noviziato ed emettere la professione temporanea e poi perenne. Nel convento di Cagliari ritorna nel 1947 con l'incarico di infermiere. La scia su cui s'incammina il cappuccino di Sardara è quella di sue due colleghi religiosi che hanno fatto la storia del convento cagliaritano, il beato fra' Nicola da Gesturi - di cui continua l'opera spirituale, e fra' Nazareno. La sua scomparsa avviene proprio nel giorno in cui si avvia la Novena di Natale e il pellegrinaggio al presepe di cui egli stesso fu fautore e organizzatore a partire da 1948 di un presepe me caninico che, ogni anno, attira folle di visitatori. Incommensurabile per la sua capacità di ascoltare le persone, dalle più umili senza distinzioni di classi, è uomo di fervida preghiera e grande lavoratore. Si dedica, poi, ai malati come infermiere, ma nutre capacità enormi pure come cultore di piante officinali che coltiva nel giardino del convento. Privo oramai della voce, nelle ultime ore di vita lascia un messaggio scritto su un foglio: <Buon Natale>. Muore a Cagliari, nel 2016 all'età di 96 anni e 362 giorni, per le conseguenze di una malattia respiratoria. Padre Tarcisio Mascia, responsabile de "La Voce Serafica", la rivista dei Padri Cappuccini e del Terz'Ordine Francescano, lo ricorda con parole emozionate: <Un uomo di Dio che la gente riteneva un Santo>.

Benvenuto Pinna (Fra' Lorenzo), Sardara (VS) 20 Dicembre 1919 – Cagliari 16 Dicembre2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA copyright www.ilgiornaledelricordo.it

Aggiungi il tuo ricordo al diario


Il Giornale del Ricordo

Scrivi il tuo ricordo